Come svitare una vite bloccata

vite arrugginitaSvitare una vite bloccata o spanata è sempre un bel problema ma con tenacia spesso si riesce a risolverlo.

In primo luogo bisognerebbe sempre guardare bene la vite e il supporto in cui è avvitata per farci un'idea di quanto potrebbe essere difficile toglierla.

Come potete vedere dalla foto qui sotto i tipi di vite sono innumerevoli e si differenziano sia per la forma (bombate, incassate ecc) sia in base al tipo di attrezzo richieso per avvitarle/svitarle.

Bisognerebbe munirsi di un cacciavite adatto al particolare tipo di vite che dobbiamo avvitare o svitare, con una punta che ci consenta di avere una buona presa e ci dia la possibilità di trasmettere la forza che esercitiamo col polso sulla vite. Più la punta del cacciavite si rivela adatta alla testa della vite e meno incorreremo nel rischio di rovinare la vite stessa. I cacciaviti di cattiva qualità sono la causa principale delle viti spanate.

Varietà di viti

Un'attenzione ancora maggiore va prestata allorquando si usano degli avvitatori elettrici che, pur rivelandosi utilissimi e risparminadoci un sacco di fatica, possono costituire un rischio a causa del fatto che non abbiamo diretta percezione dello sforzo che si esercita sulla vite ed è quindi più facile rovinarla se non viene svitata immediatamente.

I cacciaviti migliori sono quelli con impugnatura ergonomica in gomma che consente una presa tenace; evitiamo i cacciaviti dall'impugnatura in plastica e sottile.
set di cacciavitiQui a lato possiamo vedere la differenza sostanziale tra tre cacciaviti. Il primo a sinistra (nero e giallo) ha un'impugnatura in plastica non ergonomica che ne rende difficile la presa, specie in fase di sforzo. Il cacciavite nero al cento ha sempre una impugnatura in plastica ma vediamo come la forma "grassoccia" dell'impugnatura permette al palmo della mano un'agevole presa. Il cacciavite verde, infine, oltre ad avere un'impugnatura ergonomica è anche rivestito in gomma per una presa ancora migliore. Notate il particolare non indifferente della punta magnetica che si rivela di estrema utilità specie quando dobbiamo avvitare una vite in sedi non ben raggiungibili.

Riepilogando: un chiave scadente è spesso la causa principale per cui una vite si spana e quindi investite qualche Euro per attrezzi di buona qualità è una scelta oculata che ci risparmierà molti problemi.

Se abbiamo le chiavi adatte, non ci resta che passare alla pratica.

È perfettamente inutile cominciare ad armeggiare subito con il cacciavite se la vite è arrugginita/incrostata/spanata poichè rischieremmo solo di rovinarla ancora di più o di romperla all'interno del supporto, generalmente all'altezza in cui comincia la filettatura,  rendendo inutile qualsiasi tentativo ulteriore con il cacciavite.

wd-40 e svitol

La vite è arrugginita? Cominciamo a rimuovere per bene la ruggine intorno alla vite con una spazzola metallica. Questo ci permetterà di vedere meglio la situazione e consentirà alla punta del cacciavite di avere una maggiore presa. Fatto questo, spruzziamola per bene con uno sbloccante tipo Svitol o WD40, che non dovrebbe mai mancare in casa, e attendiamo qualche attimo affinchè possa penetrare il più possibile in profondità intorno alla filettatura della vite. Se la vite è conficcata nel legno fate attenzione con questi prodotti perchè potrebbero rovinarlo (il legno).

Dopo l'utilizzo di questi prodotti lubrificanti il taglio della vite va ripulito e sgrassato altrimenti la punta del cacciavite avrebbe una scarsa presa e tenderebbe a scivolare.

 

Iscriviti alla newsletter!

Seguici su Google+

Entra nel gruppo!