Riparare la porcellana con il latte, funziona?

aggiustare ceramica rotta con il latteIl trucco che consentirebbe di riparare la porcellana cinese con il latte è diventato presto virale.

Sembra quasi una magia, e di fatto lo è.

Volete sapere subito se immergendo il vostro piatto rotto di ceramica nel latte questo si riparirà magicamente? La risposta è no.

Ma andiamo con ordine.

La caseina è la proteina predominante nel latte. La colla di caseina è una delle ultime colle naturali comunemente usate. Non sarebbe abbastanza forte per incollare insieme una teiera rotta, ma funziona abbastanza bene per riparare fessure o lacune di ceramica incrinate. 

Quando il latte va a male, ovvero inacidisce, la caseina precipita determinando il processo di coagulazione. Rimuovendo il latte coagulato e facendo asciugare la caseina penetrata nella crepa, questa dovrebbe sigillarla.

Il procedimento così come esposto su molti siti internet è il seguente.

Innanzitutto i pezzi rotti dovrebbero essere perfettamente aderenti gli uni agli altri, crepe con parti mancanti o comunque troppo grandi sicuramente sarebbe difficile ripararle anche con la colla.

Uniti i pezzi, li si dovrebbe fissare con un nastro adesivo impermeabile poichè dovrà rimanere attaccato anche dopo aver passato alcuni giorni immerso nel latte. Il nastro va applicato sulla parte esterna del piatto o della tazza.

A questo punto si mette la porcellana  in una bacinella appena più grande della ceramica stessa e si versa il latte (già vicino alla data di scadenza) fino a sommergere completamente la porcellana rotta.

riparare ceramica con latte

 

Ricoprete la ceramica abbondando con il latte; tenendo conto dell'eventuale evaporazione, il pezzo di ceramica non deve mai rimanere scoperto.

Qui i tutorial si dividono un po': c'è chi sostine che il latte vada lasciato a temperatura ambiente e chi sostiene vada scaldato.

Mentre il latte si inacidisce ed evapora, la caseina viene lasciata indietro

Lasciate la porcellana rotta nella bacinella fino a quando il latte avrà davvero un pessimo odore.  Anche alcuni giorni. Beh, non c'è bisogno di dire che forse è meglio non lasciarla in cucina.

Eliminate quindi il latte avariato e rimuovete con cautela il nastro adesivo. La vostra ceramica cinese dovrebbe essersi magicamente incollata a causa della caseina presente nel latte.

Risciacquatela con acqua saponata, asciugate con cura e rimettete il piatto sulla piattaia (se ne avete una).

La riparazione non resiste alle alte temperature pertanto è solo di natura estetica.

Tutto molto bello ed affascinante. Ma questo metodo funziona davvero per riparare la ceramica?

Stando a chi lo ha testato la risposta è una sola: NO!

Al più la caseina può riempire e rendere quasi invisibile il punto di rottura su un piatto bianco, ma certamente non incollerà affatto i pezzi tra loro.

Se il nastro che avete messo all'inizio sarà stato tanto tenace da non essersi staccato durante il periodo di immersione, allora forse troverete i pezzi ancora uniti quando rimuoverete la porcellana dal bagno di latte coagulato.

In caso contrario non avrete neanche questa soddisfazione.

Insomma, la tecnica di immergere la ceramica nel latte per riparare le crepe non funziona e i video che circolano in rete potranno essere virali quanto vogliono ma rimango delle bufale.

C'è chi sostiene che la tecnica funziona solo con la porcellana cinese e non con la comune ceramica.

La realtà è che non vale neppure la pena di buttare due o più litri di latte per fare un test, se avete una ceramica rotta andate di colla forte oppure adottate la tecnica giapponese del kintsugi.

 

Seguici su Google+

Entra nel gruppo!