Come lavare e pulire le pigne

come pulire le pigneIn questo articolo vediamo come ripulire le pigne cadute dagli alberi e renderle idonee all'uso per le decorazioni natalizie.

Quando si avvicina il Natale può capitare spesso di adocchiare questo o quel tutorial che prevede l'utilizzo di comunissime pigne per decorare l'albero o la tavola.

Quasi sempre ci troviamo a non averne a disposizione e doverle andare a comprare; per quanto semplice, questa scelta non è una grande idea tanto più che spesso vengono vendute ad un prezzo anche abbastanza elevato.

Trovare delle pigne non è poi così difficle, persino nei parchi delle città.

La cosa migliore sarebbe quella di raccoglierle un anno per l'altro e quindi avere il tempo di lasciarle asciugare tutta l'estate e trovarsele pronte per il Natale.

Purtroppo questo non sempre è possibile e poi c'è sempre la necessità di dover conservare anche le pigne oltre a palle, albero, lucine ecc.

raccolta delle pigneLa cosa migliore è quindi farsi una passeggiata e cercare di raccogliere, assolutamente gratuitamente, qualche pigna.

Può capitare che, a causa della stagione umida, le pigne siano umide e sporche e pertanto si rende necessario pulirle per evitare di portare in casa muffe, batteri e, magari, anche qualche insetto.

Se la stagione è secca andare a raccogliere le pigne sarà più piacevole ma ciò non ci esime, comunque, dal pulirle.

Dalla raccolta alla pulizia

Il vantaggio di andare a raccogliere le pigne di persona consiste nel poter scegliere esattamente quelle che ci servono, sia per quanto riguarda il numero che per quanto riguarda la dimensione.

Più le pigne saranno aperte e ben formate, migliore sarà la riuscita dei nostri lavori di bricolage.

Tecnicamente, però, può risultare più conveniente raccogliere le pigne dall'aspetto più chiuso e lucido perchè ciò sta ad indicare che sono cadute di recente e quindi non sono rimaste a terra per lungo tempo.

Dopo averle spazzolate sommariamente con una spazzola di quelle per il bucato si possono lasciare disposte sul pavimento e in un luogo asciutto in attesa della fase successiva.

La spazzolatura ha il compito di rimuovere le impurità grossolane e anche quel po' di resina che risulta maggiormente presente sulle pigne cadute da poco.

Lavare le pigne

Le pigne vanno successivamente lavate e disinfettate.

All'interno delle pigne possono accumularsi batteri e anche piccoli insetti che nessuno vorrebbe portarsi in casa.

Il lavaggio consiste nell'immergere le pigne in una bacinella in cui avremo mescolato 1 tazza di aceto insieme a 5 litri d'acqua circa.

L'aceto ha un odore abbastanza persistente e quindi potete sostituire l'aceto con la stessa quantità di candeggina delicata.

Le pigne andranno lasciate in ammollo in questa soluzione anche per un giorno intero.

Cercate di collocare un peso in modo che le pigne rimangano immerse nel liquido dal momento che tenderanno a venire a galla, ma accertatevi che tale peso non sia eccessivo per evitare di schiacciarle, deve solo mantenerle sotto la superficie del'acqua.

Trascorso un giorno togliete le pigne dall'ammollo e sciacquatele sotto l'acqua corrente, questo consentirà di togliere anche un po' l'odore dell'aceto.

Lasciate scolare le pigne all'aperto per rimuovere l'eccesso di acqua.

Il passaggio in forno

Le pigne lasciate in ammollo tenderanno naturalmente a richiudersi e la bellezza della pigna consiste invece nell'essere bella aperta.

Per farle riaprire bisogna farle asciugare completamente e, se non avete il tempo di aspettare l'asciugatura naturale, il modo migliore è forzare tale asciugatura mettendole in forno.

Portate il forno ad 80 gradi e dopo aver adagiato le pigne su una teglia sul cui fondo avrete posato un foglio di alluminio, mettete la teglia nel forno e lasciate le pigne in forno per circa 15 minuti.

NB: cercate di non allontanarvi mai dal forno e sorvegliate le pigne per evitare che prendano fuoco, togliendole non appena vi accorgete che le pigne risultano aperte. Ricordatevi che le pigne sono degli ottimi accendifuoco naturali e quindi è meglio non rischiare.

Il passaggio in forno permetterà l'asciugatura completa delle pigne ma eliminerà anche eventuali parassiti che dovessero essere rimasti al loro interno, rendendo le nostre pigne pronte per essere usate per le nostre decorazioni.

Questo video, anche se in inglese, riassume tutti i passaggi da seguire per lavare e pulire le pigne.