Coltivare le cipolle - Piantagione e note colturali

Indice articoli

Il terreno in cui andremo a piantare le cipolle incide molto sulla qualità del raccolto; abbiamo già detto che le cipolle, per un corretto sviluppo vegetativo, necessitano di un apporto di acqua abbastanza costante.

I terreni poco adatti alla coltivazione delle cipolle sono, tuttavia, quelli argillosi, pesanti e compatti. Poichè la cipolla ha la necessità di espandersi nel terreno è ovvio che un tipo di terreno che tenderà a comprimerla ne limiterà molto la corretta crescita.

bulbillo cipolla

Prima di piantare i bulbilli, quindi, scegliamo un terreno in una posizione solatia e lavoriamolo molto bene, prima con la vanga e poi, se possibile, ripassando un paio di volte il tereno con una motozappa che sminuzzerà adeguatamente le zolle del terreno di piantagione. In alternativa lavoratelo al meglio, manualmente, con la zappa.

Se il terreno è stato ben lavorato possiamo dirvi, per esperienza, che è del tutto inutile creare dei solchi dove adagiare i bulbilli. Se il terreno è soffice basta prendere il bulbillo tra l'indice il pollice e il medio, dalla parte della testa e non dalla parte in cui si svilupperanno le radici e quindi conficcarlo in posizione verticale nel terreno ad una profondità al massimo doppia rispetto alla sua grandezza.
Questo metodo, sempre che il terreno sia ben lavorato, non danneggia affatto il bulbillo e garantisce il suo miglior posizionamento.
Una volta che avremo ritirato le dita la terra tenderà naturalmente a ricoprire il bulbillo senza la necessità di altro lavoro.

Le cipolle dovrebbero essere distanziate di 30 centimetri tra le file e di circa 15 centimetri sulla stessa fila.

Bulbi di diverse varietà di cipolla in offerta

piantare cipolla

Una volta che avrete riempito con i bulbulli tutto l'appezzamento di terreno che avrete loro dedicato, cercate di coprire l'appezzamento con una rete che li difenderà dagli uccelli golosi di germogli.

Durante il ciclo vegetativo non sono necessari particolari interventi se non quelli di irrigazione, specie nei periodi siccitosi, e di rimozione delle erbe infestanti con la zappa.