Come asfaltare da soli un vialetto o un marciapiede

Indice articoli

Come asfaltare a freddoL'asfaltatura di un piccolo vialetto o un marciapiede intorno a casa può rivelarsi, talvolta, la soluzione più rapida.

Abbiamo già dedicato un articolo sull'asfalto a freddo e in questa sede descriviamo come applicare questo innovativo prodotto per asfaltare o rammendare piccole superfici.

La superficie che andiamo ad ottenere asfaltando da soli a freddo non differisce sostanzialemente da quella di una qualsiasi strada asfaltata; si presenta, quindi, come un'ottima copertura, molto liscia e regolare, impermeabile e capace anche di sopportare un traffico veicolare leggero.

La preparazione del fondo per l'asfaltatura

Il primo lavoro da eseguire è lo scasso del terreno nel caso volessimo avere l'asfalto a filo del terreno (anche se, in ogni caso, è bene che l'asfaltatura sia rialzata di pochi centimetri per non finire allagata in caso di pioggia) o la realizzazione di un cordolo in muratura nel caso volessimo realizzare un marciapiede rialzato rispetto al terreno circostante.

Nel primo caso, dopo aver accuratamente tracciato il percorso della zona da asfaltare, è necessaio rimuovere una certa quantità di terrendo raggiungendo una profondità di circa 10-12 centimetri. E' un lavoro per il quale è forse meglio fare intervenire un mini-escavatore se non siamo disposti a scavare a mano per buona parte dell'estate.

Nel caso di un marciapiede rialzato il cordolo può essere realizzato con mattoni di porfido o altri elementi prefabbricati.

Per ottenere una asfaltatura ben fatta e duratura è necessario realizzare  un fondo consistente e ben compattato con ghiaia di medie dimensioni.

La ghiaia deve essere scaricata nelle vicinanze ed eventualmente portata sul lugo della posa con la carriola.

La ghiaia deve essere stesa accuratamente con un rastrello per ottenere una superficie il più possibile uniforme che servirà sia come supporto denante per la successiva asfaltatura. Dopo che la ghiaia è stata ben stesa essa va compattata con un battitoio realizzato con alcune tavolette di legno collegate a un grosso listellone verticale.

Come stendere l'asfaltatura

L'asfalto a freddo viene confezionato in sacchi di vario peso (di solito 25 kg) che devono essere scaricati in prossimità del cantiere.

Ora non ci resta che iniziare l'asfaltatura vera e propria cominciando a versare i sacchi di asfalto dentro allo scavo fino a raggiungere uno spessore di 4-6 centimetri e senza lasciare zone scoperte. Sempre utilizzando un rastrello, procediamo a stendere accuratamente l'impasto fino ad ottenere una copertura che sia già il più possibile uniforme.

Con il battitoio manuale possiamo già eseguire un primo lavoro di compattamento che consentirà all'asfalto di assestarsi.

La rullatura

Il compattamento definitivo del manto in asfalto può avvenire utilizzando diversi mezzi: si va dalle vere e proprie macchine rullatrici sino ai mezzi più "casalinghi" quali potrebbero essere un rullo manuale o un semplice cilindro riempito d'acqua. La via di mezzo (la più conveniente e pratica, a nostro avviso) è quella di noleggiare una piastra vibrante (o compattatore) che spianerà nella manierà più stabile e uniforme l'area interessata.

Stendere la sabbia

L'ultimo passaggio da eseguire per compretare la nostra asfaltatura a freddo è quello di stendere uno strato di sabbia sopra l'asfalto in modo tale che la superficie appiccicosa dell'asfalto abbia modo di asciugarsi non attaccandosi sotto ai piedi di chi vi cammina sopra.

Nel video qui sotto potete vedere in maniera riassuntiva tutti i passaggi sopra descritti e anche se fa riferimento ad una riparazione può essere considerato valido anche per un lavoro che deve essere eseguito dall'inizio: