Verniciare le perline in legno di bianco

Verniciare le perline in legno di bianco è una scelta che può essere dettata da fattori sia estetici che legati all'illuminazione della casa.

Alcuni puristi inorridirebbero al pensiero di verniciare il perlinato con lo smalto ma voi non fatevi condizionare.

Basta aprire una qualsiasi rivista di arredamento per accorgersi che la scelta del bianco per il perlinato non è così inusuale.

Vi sono principalmente due fattori che potrebbero spingerci a colorare le perline con lo smalto bianco.

Il primo è dovuto ad una carenza di illuminazione della stanza; spesso ci si trova di fronte a stanze con una cattiva esposizione alla luce o con finestre che non illuminano abbastanza e, in questo caso, optare per il perlinato bianco anzichè color legno, più o meno scuro, aiuta grandemente ad aumentare la luminosità e anche il senso di ampiezza della stanza.

Il secondo fattore è di ordine economico ed estetico: spesso le perline di legno sono meno costose del cartongesso e la difficoltà di posa è inferiore o identica rispetto a quella del cartongesso. Inoltre, rispetto al cartongesso, le perline dipinte di bianco conferiscono alla casa un aspetto country ma, allo stesso tempo, hanno uno stile moderno e non pesante.

Questi fattori sono importanti per voi? Avete dunque deciso di procedere alla colorazione? Vediamo come fare!

Che cosa ci serve:

Per quanto le perline che andrete ad acquistare siano di prima scelta esse presenteranno sempre delle criticità e delle imperfezioni dovute all'essenza stessa di un elemento vivo quale è il legno.

Sperare di avere delle perline completamente senza nodi è impossibile a meno che, anzichè di legno, siano di plastica.

I difetti dei nodi bisogna metterli in conto anche perchè è improbabile che la rivendita di legname a cui vi siete rivolti vi permetta di scegliere le perline ad una ad una.

A parte i nodi, tuttavia, quello che si può sperare è che le perline siano il più possibili dritte e non "svirgolate", cosa che, purtroppo, non sempre accade.

Una volta che abbiamo portato a casa i nostri pacchi di perline, la cosa migliore è quella di liberarle dal cellophane che le avvolge e farle "acclimatare" nel luogo dove dovranno poi essere collocate.

Il lavoro per giungere alla uniforme colorazione del perlinato passa attraverso una doppia carteggiatura, una mano di fondo coprente e due mani di smalto.

stucco per legno

Cominciate ad esaminare le perline ad una ad una e chiudete, con l'aiuto di una spatola e dello stucco fibrorinforzato per legno di colore chiaro, tutte le piccole fessure o buchi intorno ai nodi.

La verniciatura avverrà solo sulla parte "a vista" della perlina poichè sarebbe perfettamente inutile sprecare vernice per la faccia che rimarrà rivolta verso la parete o verso il soffitto.

La parte "a vista" della perlina è quella dove l'incastro si presenta con una sagomatura a "v" una volta che due perline saranno unite. Se girate le perline dall'altro lato, infatti, non vedrete questa scanalatura a "v" ma una semplice fessura come se, anzichè di perline, si trattasse di due assi accostate senza incastro.

La scanalatura a "v" è il tipo di lavorazione più comune ma non l'unico: esistono anche scanalature ad "u", per esempio.

Una volta che lo stucco sarà completamente essiccato potrete procedere con la prima carteggiatura che ha lo scopo di eliminare lo stucco in eccesso e tutte le possibili asperità del legno che si concentrano principalmente in prossimità dei nodi.

La carteggiatura noi l'abbiamo eseguita a mano ma se vi sentite particolarmente pigri e avete a disposizione una levigatrice a nastro potrete usare  anche quella. 

È importante sottolineare che non è necessario carteggiare in profodità perchè le perline sono di legno già levigato.

Carteggiate nel senso della lunghezza, ovviamente, seguendo le venature del legno. Personalmente sono solito usare la mano destra per carteggiare e la sinistra per percepire mediante il tatto l'efficacia della carteggiatura avvenuta.

Alle volte è più facile sentire una piccola asperità col palmo della mano che non vederlo ad occhio. Non abbiate timore di accarezzare il legno a mano nuda poichè, come detto, le perline sono di legno già levigato ed è quindi abbastanza improbabile incorrere in schegge.

Tuttavia chi non si sente sicuro può anche indossare i guanti e limitarsi alla semplice analisi visiva del lavoro che sta svolgendo.

Dare una mano di fondo

fondo  bianco perline

Procediamo ora a dare una mano di fondo bianco alle nostre perline.

Il fondo bianco ha un effetto coprente volto a favorire una migliore resa delle mani di smalto che si daranno in seguito.

Fatevi consigliare nel caso non sapeste che tipo di pennello usare ed acquistatene uno di buona qualità.

Poichè in questo lavoro abbiamo usato sia fondo che smalto a base acqua, il pennello potrà essere pulito con più facilità sotto un getto di acqua tiepida corrente e ci servirà sia per stendere la mano di fondo sia per le mani di smalto, se avremo cura di pulire e riporre accuratamente il pennello.

La mano di fondo bianco conferirà un aspetto in cui le venature del legno delle perline sono ancora ben visibili. La vernice usata come fondo va diluita con acqua seguendo le indicazioni del produttore (se il fondo che avremo acquistato è idrosolubile, ovviamente).

La vernice, sia per il fondo che per lo smalto non deve essere nè troppo densa nè troppo fluida; nel primo caso sarebbe difficile stenderla con il pennello, nel secondo si correrebbe il grosso rischio di colature.

Una volta data una mano di fondo non ci resta che attenderne l'asciugatura per poter procedere con la fase successiva.

verniciatura di fondo

Quando la vernice sarà perfettamente asciutta, si potrà procedere con una seconda carteggiatura di finitura.

Sempre passando con il palmo della mano sulla superficie delle perline a cui avete dato la mano di fondo noterete, infatti, che le fibre del legno sono ancora percepibili nonostante che le perline apparissero perfettamente levigate dopo la prima carteggiatura.

Procediamo quindi a carteggiare lievemente la superfice delle perline con una carta abrasiva molto fine. Basterà una leggera passata e sentirete che la superfice tornerà perfettamente levigata pur non avendo asportato la vernice del fondo (se non in minima parte).

Siamo ora pronti alla verniciatura con lo smalto all'acqua.

verniciatura-bianca

Verniciatura con lo smalto bianco

Siamo giunti alla fase finale del lavoro.

Se decidiamo di verniciare le perline di bianco, possiamo optare per lo smalto opaco o per quello lucido; la scelta dipende solo dai gusti e dai complementi di arredo che già ci sono.

Se, ad esempio, abbiamo delle porte verniciate con smalto bianco lucido non sarebbe male abbinare ad esse anche il perlinato ma, lo ribadiamo, ognuno è libero di scegliere secondo i propri gusti e il proprio estro.

Una volta diluito lo smalto con acqua procediamo alla verniciatura a pennello: ormai dovremmo esserci impratichiti.

Fate attenzione, quando date lo smalto, a non verniciare o verniciare il meno possibile le parti delle perline che andranno ad incastrarsi le une nelle altre.

Se il fondo aveva un effetto coprente con uno spessore quasi nullo, due mani di smalto sulle giunture delle perline potrebbero rendervi la vita difficile quando le andrete a montare!

La verniciatura oggetto di questo articolo è avvenuta "fuori opera" poichè sarebbe stato complicato verniciare le perline una volta messe "in opera", a soffitto.

perline finite

L'asciugatura di una mano di smalto all'acqua avviene abbastanza rapidamente anche se molto dipende dalle condizioni ambientali (umidità e temperatura) in cui si svolge il lavoro.

Consigliamo, tra una mano e l'altra, di non sovrapporre le perline se non quando si è assolutamente certi che l'asciugatura dello smalto è completata. Sarebbe molto spiacevole ritrovarsi con delle perline "incollate" le une alle altre.

Qui sotto potete vedere un paio di immagini che mostrano il "prima" e "dopo" di una camera da letto in cui il perlinato, originariamente color legno, è stato riverniciato di bianco (a soffitto). 

Stanza dopo la verniciatura del perlinato

Articoli correlati:

Come posare il perlinato