Come costruire una piscina interrata fai da te?

Piscina interrata fai da te

È possibile costruire una piscina interrata fai da te? Sappi che la risposta è “sì, puoi farlo”.

Ovviamente, come ogni grande progetto, richiede impegno, costanza ed un considerevole investimento di denaro ma vedrai che, una volta concluso, tutti gli sforzi saranno ripagati dalla soddisfazione di aver costruito qualcosa di tuo con le tue stesse mani.

Nell’articolo di oggi ti guideremo nella costruzione di una piscina interrata fai da te, esaminando tutte le considerazioni relative all’ideazione, al progetto e alla sua concreta realizzazione, dalla scelta del luogo in cui posizionarla fino all’installazione di bordi e rivestimenti.

Iniziamo!

Fase 1 - Ideazione

Scegliere il tipo di piscina da installare

Come ben sai le tipologie di piscine interrate da poter installare sono molteplici. Sul mercato potrai trovare piscine in pannelli d’acciaio, piscine in lamiera d’acciaio, piscine in cemento armato e piscine in casseri a perdere disponibili su vari negozi online come Prontopiscine.

In questa guida ci occuperemo principalmente delle modalità di costruzione di una piscina interrata in pannelli d’acciaio, una delle più diffuse e più semplici da montare.

Se hai scelto questo tipo di piscina, ecco la guida che fa al caso tuo.

Scegliere la zona in cui installare la piscina

Prima di installare una piscina interrata è fondamentale comprendere in quale zona del giardino la vuoi installare. Ti consigliamo di non sottovalutare questo aspetto, perché potrebbe compromettere l’intero progetto per i più svariati motivi.

Le caratteristiche ideali del luogo in cui installare la piscina sono le seguenti:

  • Solido: la zona dovrà essere quanto più affidabile possibile e non sensibile a smottamenti, in quanto dovrà reggere un gran quantitativo d’acqua;
  • Pianeggiante: il giardino o il cortile in cui installarla non dovrà avere nessun tipo di pendenza né inclinazione particolare;
  • Esposto al sole: la vasca dovrà avere un’ottima esposizione solare;
  • Lontano dagli alberi: l’espansione nel tempo delle radici degli alberi potrebbe danneggiare la base della piscina. Inoltre foglie e rami, cadendo in acqua, tenderanno a sporcarla e a destabilizzarne l’equilibrio chimico. Per questo, meglio tenere la piscina lontana dagli alberi;
  • Riparato dal vento: devi difendere la vasca dalle intemperie, come vento e freddo, in quanto potrebbero rovinare sia la vasca che l’acqua stessa;
  • Vicino agli allacci di acqua e corrente, in modo da facilitarti le fasi d’installazione.

Fase 2 - Progettazione

L’importanza strategica del locale tecnico

Una volta scelto il luogo in cui installare la piscina, sarà necessario definire un progetto commisurato al terreno.

In questa fase sarà di vitale importanza definire tutti i percorsi dei tubi e della raccorderia che connetterà la piscina al locale tecnico, ossia il vano dedicato a contenere e convogliare la mandata d’acqua della piscina, lo scarico, i filtri, le pompe della piscina e il quadro elettrico dei comandi.

Tenere in considerazione il locale tecnico nella fase di progettazione è fondamentale non solo per comprendere dove posizionarlo in relazione alla piscina, ma anche calcolare la misura e l’eventuale scavo previsto per la sua installazione, da inserire nel progetto a monte della piscina interrata.

Se vuoi approfondire quest'aspetto, leggi l'articolo su come progettare un locale tecnico da soli.

Permessi di costruzione

A differenza delle piscine fuori terra, per le piscine interrate è necessario dotarsi di permessi specifici di costruzione. Prima di procedere ai lavori quindi sarà inevitabile rivolgersi al proprio ufficio comunale per la richiesta dei permessi e la consegna delle autorizzazioni a procedere.

Puoi approfondire l’argomento in quest’articolo dedicato ai permessi necessari per la costruzione della piscina.

Fase 3 - Realizzazione

Preparazione del terreno

Con la preparazione del terreno entriamo nella fase operativa della costruzione della piscina.

Data la mole di lavoro da fare, ti consigliamo di farti aiutare da qualcuno (un amico, un appassionato) oppure, se proprio non vuoi rischiare di fare errori, di contattare un esperto che possa affiancarti.

Per prima cosa partiamo dalla realizzazione dello scavo in cui verrà interrata la piscina. Per questo processo sarà necessario dotarsi di mezzo che possa operare un scavo molto profondo in poco tempo. Puoi scegliere di noleggiare un escavatore Bobcat o dotarti di una squadra di amici volenterosi che insieme a te abbiano tanta voglia di sporcarsi le mani.

Come avrai già previsto all'interno del progetto, lo scavo da realizzare dovrà essere delle stesse dimensioni della piscina, aggiungendo però 2 metri ai lati di tutto il perimetro, oltre che una manciata di centimetri in più di profondità (tra i 10 e i 20) necessari all'edificazione di una soletta che costituirà il fondo della piscina.

Leggi l’approfondimento: come costruire una piscina con i pallet.

Una volta concluso lo scavo, bisognerà livellarlo nel modo più accurato e preciso possibile, in modo da evitare spiacevoli dislivelli.

Poi si passerà alla costruzione del massetto o soletta che costituirà il fondo della vasca, le cui dimensioni dipenderanno principalmente dal tipo di piscina scelta e dalle condizioni del terreno.

Installazione dell’impianto di depurazione

L’installazione di un impianto di depurazione è un altro tassello fondamentale per la tua piscina, in quanto è addetto al mantenimento costante della salute e della balneabilità dell’acqua, in modo da permetterti di fare il bagno in qualsiasi momento tu voglia.

L’impianto di depurazione dovrà contenere:

  • un filtro
  • una pompa di ricircolo dell’acqua
  • due bocchette di aspirazione
  • bocchette di immissione e tubature

Il gruppo di filtrazione (costituito da filtro, pompa e scarico) dovrà essere allocato nel locale tecnico o in un vano con coperchio nelle vicinanze degli allacci dell’acqua e dell’elettricità.

Le tubature in pvc invece verranno installate nel sottosuolo del piano calpestabile, che dovrà essere previsto a monte nel progetto della piscina, come abbiamo ampiamente trattato nei precedenti paragrafi.

Montaggio dei pannelli

Le fasi di messa in posa di una piscina differiscono in base alla tipologia scelta.

Nel caso di una piscina in pannelli d’acciaio, le istruzioni per la costruzione saranno presenti all’interno del kit della piscina interrata.

Nello specifico, una volta effettuato lo scavo, bisognerà realizzare la struttura in pannelli autoportante. Per farlo ti consigliamo anzitutto di tracciare il perimetro dell’intera piscina sulla soletta e poi procedere all’operazione.

In seguito fai partire l’assemblaggio dei pannelli fissando due pannelli d’angolo tramite le apposite giunzioni.

Procedi poi al fissaggio degli altri due con un paio di bulloni.

In seguito dovrai preoccuparti di posizionare ed installare al meglio dei contrafforti, in modo da stabilizzare la struttura.

Riempimento dello scavo

Una volta conclusa l’installazione dei contrafforti sarà possibile inserire nello scavo il terreno rimosso durante la prima fase di lavori, mescolandolo con la ghiaia, in modo da renderlo più drenante.

Realizzazione di una scala interna

Adesso è il momento della scala, che potrà essere in cemento o prefabbricata a seconda del tipo di piscina che hai scelto.

Installazione del rivestimento interno

La tua piscina è quasi finita, è ora di procedere al rivestimento interno.  La sua posa dev’essere perfetta. Dovrai fare attenzione alle eventuali imperfezioni o residui di lavori svolti fino a quel momento.

Completata quest’operazione potrai finalmente riempire la piscina.

Installazione del bordo

L’ultima fase di completamento della piscina consiste nell’installazione del bordo ed eventualmente della pavimentazione presente nell’area circostante della vasca.

Adesso puoi finalmente tuffarti nella piscina costruita con le tue stesse mani!

Che soddisfazione vero?

Goditela insieme alla tua famiglia e i tuoi amici!