Rastrellare o non rastrellare le foglie secche?

Rastrellare le foglie in autunno

Se cerchi qualche ragione per non raccogliere le foglie secche, in questo articolo te ne elenco almeno sei.

Attenzione, però, perché ci sono altrettante valide ragioni per cui forse è meglio raccogliere le foglie e non lasciarle sul prato, in autunno.

Insomma, la pigrizia non può essere la sola ragione valida per lasciare le foglie al loro destino.

La caduta delle foglie è un evento che si ripete, ineluttabile, ogni autunno, stagione che porta con se i fantastici colori delle foglie prossime a cadere ma anche il problema sul come e se raccoglierle.

L'opinione dei biologi

Se ascolti l'opinione dei biologi essi ti consiglieranno di smettere di rastrellare le foglie. Ecco perché:

1) È una cosa innaturale

Le foglie sono destinate a rimanere dove cadono per tutti una serie di motivi. Uno strato di foglie profondo diversi centimetri è una cosa naturale in qualsiasi area in cui gli alberi crescono rigogliosi. Lo strato fogliare è un piccolo ecosistema.

2) Habitat di vita selvaggia

Molte specie di fauna selvatica vivono o si affidano allo strato fogliare per riparo e cibo, tra cui salamandre, scoiattoli, tartarughe scatola, rospi, toporagni, lombrichi e molte specie di insetti.
Lasciare le foglie su terreno significa aumentare la biodiversità.

3) Gli uccelli e le farfalle

Insieme alle foglie stai buttando via le pupe di farfalle e falene attaccate a loro. Non solo non avrai belle farfalle nel tuo giardino, in primavera, ma non avrai nemmeno molti uccelli che si affidano ai bruchi per nutrire le nuove nidiate.

4) Ridurre gli sprechi

Gettare via le foglie in sacchetti di plastica è molto dispendioso. I ritagli di giardino rappresentano circa il 13% dei rifiuti solidi (33 milioni di tonnellate all'anno) nelle discariche, dove le foglie marciscono ed emettono carbonio nell'aria invece che nel suolo.

Questo è vero nelle zone dove non si sono ancora organizzati i "giri verdi", ovvero la raccolta degli scarti vegetali che poi saranno avviati al compostaggio industriale.

foglie secche sul prato

5) Ridurre l'inquinamento

I soffiatori di foglie a benzina e gli autocarri usati per trasportarli causano inquinamento. 

6) Fertilizzante e pacciame gratuiti

Per alcuni giardinieri, le foglie cadute offrono un doppio vantaggio: formano un pacciame naturale e una copertura del terreno che aiuta a sopprimere le erbacce e mantenere l'umidità nel terreno.

L'opinione dei giardinieri

I giardinieri hanno, in genere, una opinione diversa circa l'opportunità o meno di rastrellare le foglie che cadono.

In realtà bisognerebbe fare una distinzione tra i luoghi, ovvero capire dove le foglie cadono, perché capendo questo le valutazioni potrebbero essere diametralmente opposte.

Nella generalità dei casi, si concorda sul fatto che lasciare uno spesso strato di foglie marcire sul prato, durante l'inverno, fa più male che bene.

Lo strato di foglie tende a soffocare l'erba e a far sviluppare erbacce e muschi.

Nel caso del prato, quindi, se vogliamo lasciare il fogliame, la soluzione sarebbe quella di passare con il taglia erba dopo la caduta delle foglie in modo da sminuzzarle e trasformarle veramente in concime assimilabile dal terreno.

sminuzzare le foglie in autunno con il tagliaerba

In caso contrario è bene rastrellare le foglie e metterle nella compostiera per ricavarci dell'ottimo terriccio per la stagione a seguire.

Sotto agli alberi e ai cespugli, al contrario, lo strato di foglie cadute può svolgere la funzione di pacciame, mantenendo umido il terreno e limitando la crescita delle erbe infestanti.

Bisogna anche considerare che le foglie tendono a creare un substrato acido che mal si concilia con le esigenze di altre piante, in primis dell'erba.

Come vedi, la stessa cosa può essere buona in un posto e cattiva nell'altro.

Vi sono altre situazioni ancora che devono essere valutate: se le foglie cadono vicino al confine con un'altra proprietà, possono facilmente essere trascinate dal vento nella proprietà altrui, causando rimostranze che è meglio evitare.

Infine bisogna ricordarsi di togliere le foglie dalle zone di passaggio come i vialetti, per evitare di scivolarci sopra, quando sono bagnate.

Anche i canali di scolo e i tombini devono essere tenuti liberi dalle foglie per evitare che si intasino.

Nel caso di alberi collocati molto vicino a casa, il problema, ancor più che le foglie cadute in giardino, potrebbe essere quello delle foglie cadute o trascinate sul tetto, che rischiano di ostruire grondaie e pluviali.

Se le foglie asciutte sono leggere e croccanti, le foglie bagnate, al contrario, sono viscide e pesanti.

Se vuoi rastrellare le foglie, il consiglio è quello di farlo in totale assenza di vento e magari quando sono leggermente umide (ma non bagnate), ciò agevola non poco la raccolta.