Come fare un lampadario di cartapesta

Come fare un lampadario di cartapesta

Vuoi un'idea per un lampadario di design e, al tempo stesso, fai da te? Ecco un lampadario di cartapesta e gemme di vetro!

Quando ho visto questo video che mostrava i passaggi per realizzare questo lampadario di cartapesta sono rimasto affascinato, perchè il processo è tutto sommato semplice e il risultato è davvero molto intrigante.

Materiali occorrenti per il progetto

Come vedi si tratta di materiali di facile reperibilità, alcuni dei quali ben noti agli appassionati di bricolage.

Cerchiamo di capire ancora meglio di che tipo di materiali si tratta.

Per quanto riguarda la carta, quando questa serve per realizzare oggetti in cartapesta, bisogna utilizzare carta di giornale che non sia patinata.

La carta patinata non si macera facilmente e rimane poco malleabile, quindi mettetela nella raccolta differenziata della carta dal momento che non serve nemmeno per il compostaggio domestico.

Di colla in polvere ve ne sono di diversi tipi, a voi la scelta. La produzione della cartapesta può essere fatta anche per mezzo dell'uso di farina ricca di glutine dal momento che il glutine della farina va a svolgere la funzione di collante.

È evidende che se usiamo una colla avremo una struttura più solida e resistente. I diversi metodi per fare la cartapesta li puoi leggere in questo articolo.

Il pallone da pilates è quello che serve da supporto per dare la forma al nostro lampadario e, quando non lo usate a questo scopo, lo potete usare anche per fare ginnastica [ironico].

Dovrai scegliere un pallone del diametro adatto, in base alla grandezza del lampadario, ovviamente.

Procedimento

Tutto questo progetto si basa sulla carta e quindi è bene che la sua preparazione avvenga correttamente.

Il video già mostra i passaggi da seguire, mi limiterò ad aggiungere poche indicazioni e consigli.

Fase 1

La prima cosa da fare è strappare la carta in strisce in modo da rendere più agevole il processo di macerazione e assorbimento dell'acqua da parte della carta.

Non è necessaria alcuna regolarità nei pezzi di carta nè è necessario usare le forbici per realizzare i pezzi. Gli strappi, anzi, favoriscono il successivo processo che vedrà la carta amalgamarsi in un grande "pastone".

Dopo aver strappato la carta, immergila in un contenitore con acqua ben calda e dopo che l'acqua si sarà raffredata un poco ed avrà ammorbidito la carta dovrai procedere con un ulteriore frammentazione dei pezzi, a mano.

A questo punto dovrai servirti di un miscelatore da montare sul trapano per mescolare per bene i pezzi e frammentarli ulteriormente. Inizia con una velocità bassa e poi aumentala mano a mano che la pasta diventerà più omogenea.

Fase 2

È arrivato il momento di tirare fuori la pasta dall'acqua e strizzarla in modo da disperdere il liquido a fare raggiungere all'impasto la consistenza di granuli umidi.

Aggiungiamo la colla in polvere e le perline a amalgamiamo bene con le mani.

Fase 3

Ora è il momento di dare la forma al nostro lampadario. Per farlo è necessario realizzare degli spicchi in quanto è il modo migliore per rivestire una forma sferica, esattamente come si fa per rivestire un mappamondo.

È opportuno realizzare un'apposita forma dove poi posare la cartapesta umida avvolta da due fogli di plastica. Tira la pasta con un mattarello e poi falla aderire al pallone.

Probailmente rimarranno degli spazi vuoti nelle giunture, spazi che adranno riempiti manualmente e poi spianati con una spatola.

Spiana per bene la superficie in modo da renderla il più possibile uniforme, eventualmente servendoti delle mani inumidite con acqua.

Con una spugnetta passa sopra la superficie in modo da scoprire le perline di vetro.

Eventualmente, inserisci manualmente qualche perlina laddove possano esservi degli spazi vuoti.

Fase 4 - Il montaggio del lampadario

Dopo aver levigato e pareggiato il bordo inferiore su un piano rivestito con carta vetrata siamo pronti per dare una mano di finitura col Mod Podge, opaca o lucida a nostra scelta.

Bisogna quindi realizzare un supporto interno per il lampadario con un pezzo di legno multistrato.

Il posizionamento del lampadario su un supporto, come vedi nel video, serve a trovare il giusto baricentro del lampadario per poter poi eseguire correttamente il foro per far passare il filo.

Essendo un lampadario fatto a mano, con un materiale che potrebbe risultare non uniforme nello spessore, non è detto che sia esattamente il vertice il punto in cui forare il buco.

Per questo serve trovare il giusto baricentro, affinché una volta appeso il lampadario non risulti storto.

Se non vuoi impegnarti in prima persona nella realizzazione di questo lampadario di cartapesta, lo puoi acquistare in vari modelli qui:

https://www.etsy.com/it/shop/Mapetie

Questa è invece la pagina Facebook dove puoi trovare altri esempi di lampadari sempre realizzati con la tecnica della cartapesta:

https://www.facebook.com/mapetie/

Come fare un lampadario di cartapesta

Vuoi un'idea per un lampadario di design e, al tempo stesso, fai da te? Ecco un lampadario di cartapesta e gemme di vetro!

Quando ho visto questo video che mostrava i passaggi per realizzare questo lampadario di cartapesta sono rimasto affascinato, perchè il processo è tutto sommato semplice e il risultato è davvero molto intrigante.

Materiali occorrenti per il progetto

Come vedi si tratta di materiali di facile reperibilità, alcuni dei quali ben noti agli appassionati di bricolage.

Cerchiamo di capire ancora meglio di che tipo di materiali si tratta.

Per quanto riguarda la carta, quando questa serve per realizzare oggetti in cartapesta, bisogna utilizzare carta di giornale che non sia patinata.

La carta patinata non si macera facilmente e rimane poco malleabile, quindi mettetela nella raccolta differenziata della carta dal momento che non serve nemmeno per il compostaggio domestico.

Di colla in polvere ve ne sono di diversi tipi, a voi la scelta. La produzione della cartapesta può essere fatta anche per mezzo dell'uso di farina ricca di glutine dal momento che il glutine della farina va a svolgere la funzione di collante.

È evidende che se usiamo una colla avremo una struttura più solida e resistente. I diversi metodi per fare la cartapesta li puoi leggere in questo articolo.

Il pallone da pilates è quello che serve da supporto per dare la forma al nostro lampadario e, quando non lo usate a questo scopo, lo potete usare anche per fare ginnastica [ironico].

Dovrai scegliere un pallone del diametro adatto, in base alla grandezza del lampadario, ovviamente.

Procedimento

Tutto questo progetto si basa sulla carta e quindi è bene che la sua preparazione avvenga correttamente.

Il video già mostra i passaggi da seguire, mi limiterò ad aggiungere poche indicazioni e consigli.

Fase 1

La prima cosa da fare è strappare la carta in strisce in modo da rendere più agevole il processo di macerazione e assorbimento dell'acqua da parte della carta.

Non è necessaria alcuna regolarità nei pezzi di carta nè è necessario usare le forbici per realizzare i pezzi. Gli strappi, anzi, favoriscono il successivo processo che vedrà la carta amalgamarsi in un grande "pastone".

Dopo aver strappato la carta, immergila in un contenitore con acqua ben calda e dopo che l'acqua si sarà raffredata un poco ed avrà ammorbidito la carta dovrai procedere con un ulteriore frammentazione dei pezzi, a mano.

A questo punto dovrai servirti di un miscelatore da montare sul trapano per mescolare per bene i pezzi e frammentarli ulteriormente. Inizia con una velocità bassa e poi aumentala mano a mano che la pasta diventerà più omogenea.

Fase 2

È arrivato il momento di tirare fuori la pasta dall'acqua e strizzarla in modo da disperdere il liquido a fare raggiungere all'impasto la consistenza di granuli umidi.

Aggiungiamo la colla in polvere e le perline a amalgamiamo bene con le mani.

Fase 3

Ora è il momento di dare la forma al nostro lampadario. Per farlo è necessario realizzare degli spicchi in quanto è il modo migliore per rivestire una forma sferica, esattamente come si fa per rivestire un mappamondo.

È opportuno realizzare un'apposita forma dove poi posare la cartapesta umida avvolta da due fogli di plastica. Tira la pasta con un mattarello e poi falla aderire al pallone.

Probailmente rimarranno degli spazi vuoti nelle giunture, spazi che adranno riempiti manualmente e poi spianati con una spatola.

Spiana per bene la superficie in modo da renderla il più possibile uniforme, eventualmente servendoti delle mani inumidite con acqua.

Con una spugnetta passa sopra la superficie in modo da scoprire le perline di vetro.

Eventualmente, inserisci manualmente qualche perlina laddove possano esservi degli spazi vuoti.

Fase 4 - Il montaggio del lampadario

Dopo aver levigato e pareggiato il bordo inferiore su un piano rivestito con carta vetrata siamo pronti per dare una mano di finitura col Mod Podge, opaca o lucida a nostra scelta.

Bisogna quindi realizzare un supporto interno per il lampadario con un pezzo di legno multistrato.

Il posizionamento del lampadario su un supporto, come vedi nel video, serve a trovare il giusto baricentro del lampadario per poter poi eseguire correttamente il foro per far passare il filo.

Essendo un lampadario fatto a mano, con un materiale che potrebbe risultare non uniforme nello spessore, non è detto che sia esattamente il vertice il punto in cui forare il buco.

Per questo serve trovare il giusto baricentro, affinché una volta appeso il lampadario non risulti storto.

Se non vuoi impegnarti in prima persona nella realizzazione di questo lampadario di cartapesta, lo puoi acquistare in vari modelli qui:

https://www.etsy.com/it/shop/Mapetie

Questa è invece la pagina Facebook dove puoi trovare altri esempi di lampadari sempre realizzati con la tecnica della cartapesta:

https://www.facebook.com/mapetie/